IC PERLASCA

Festa del Giardino – Plesso Tumiati

Print Friendly, PDF & Email

 

ALLA SCUOLA TUMIATI UN’AULA PER RICORDARE IL SORRISO DI PEPITA. L’INAUGURAZIONE NEL CUORE DELLA “FESTA DEL GIARDINO”

 

 

 

 

 

 

FESTA DEL GIARDINO”

bty

Il contagio irresistibile di un sorriso. Questo ha saputo donare Franco Borghetti, per tutti “il clown Pepita”, amico degli alunni delle scuole e dei bambini ricoverati in ospedale. Così la scuola primaria Tumiati ha voluto dedicargli un’aula speciale per la creatività – l’aula “Arcobaleno”- e una canzone, “Naso rosso”, ispirata da lui e da tutti gli ambasciatori del sorriso. Un evento con la commovente e affettuosa partecipazione della moglie e del figlio di Franco Borghetti.

Il taglio del nastro della nuova aula “Pepita”, il 23 maggio 2019, è stato il cuore della “Festa del giardino”, un pomeriggio per celebrare la straordinaria sinergia tra la scuola Tumiati e Circi, Dharmic Clown, Tana delle Storie, Urban Center del Comune di Ferrara. E ancora: con il Liceo Carducci di Ferrara, con i volontari di Orto Condiviso e con il Centro per le Famiglie, nella persona di Alessandra Goberti che ha preparato i genitori per la “Biblioteca vivente”.

Il preside dell’Istituto comprensivo “Giorgio Perlasca”, Stefano Gargioni, ha introdotto l’incontro, salutando i 183 alunni della scuola, le loro famiglie, i docenti della scuola e tutti gli ospiti. L’insegnante Simonetta Travagli ha fatto gli onori di casa, ringraziando i genitori che hanno dedicato ore del proprio tempo libero per prendersi cura durante i fine settimana dello spazio verde della scuola.

Anna Maria Bovinelli, nella sua duplice veste di docente e di presidente del Circi, ha sottolineato la splendida collaborazione tra scuola e associazioni di volontariato, che hanno trovato un punto di incontro per far fiorire esperienze di crescita e di vita. La parola è passata quindi alle insegnanti Ilaria Pasti e Paola Zecchi, che – sulle orme della collega Rita Roboni – hanno guidato con passione un progetto che si è rivelato il filo rosso per annodare esperienze di forte valore educativo.

Per fare un…giardino” è il nome del progetto che da diversi anni coinvolge alunni, docenti e genitori: in quei tre puntini di sospensione è racchiusa un’educazione al rispetto, alla pazienza, all’amore per la natura e per il mondo intero. Un mondo da abitare.

Così la “Festa del Giardino” ha accolto mostre con elaborati ispirati al riuso e al riciclo creativo, video ecologici e naturalistici, narrazioni di clown e genitori raccontastorie, un mercatino di fiori coltivati dagli alunni. Ovunque decorazioni e vasi colorati, segnapiante e segnalibri per valorizzare il binomio ambiente e fantasia. Alunni e familiari mano nella mano per esplorare con occhi nuovi la propria scuola, con un ritrovato senso di appartenenza.

Bambini coloratissimi hanno aperto il pomeriggio in musica con un canto a cappella “Io sono come un albero” e un’orchestra di piccoli musicisti diretta da Luisa Ghezzo e Lorella Cappozzo; a seguire la canzone “Non sono da buttare” per bandire lo spreco di risorse. Ha concluso la festa un trenino umano esplosivo e un flash mob guidato dagli studenti del Liceo Carducci e dal professor Andrea Bregoli con l’intramontabile “Ci vuole un fiore” di Sergio Endrigo.

Dappertutto movimento e sorrisi, per amplificare l’insegnamento di Gandhi, che Franco Borghetti, clown per vocazione, amava ricordare e che ora è indelebile nel cuore e nella targa artistica creata per la nuova “aula Pepita”:

«Ciò che si conquista con un sorriso rimane per sempre».